Viaggi e Cultura in Toscana

Viareggio: storia

La storia di Viareggio è legata alle dispute fra Pisani e Lucchesi.

E-mail Print

DOVE - STORIA - ARTE - EVENTI - NATURA - CUCINA


STORIA

Un millenio fa, il territorio sul quale oggi sorge la città di Viareggio, era coperto dal mare e la zona dell’entroterra era costituita da grandi ed estese paludi.

Anticamente la zona di Viareggio era terreno paludoso che solo nel 1400 venne bonificato in modo esteso.

Nel 1460 circa, i lucchesi, dopo varie dispute con i pisani, decisero di bonificare le paludi circostanti la costa, assicurandosi in questo modo un saldo approdo per l’importazione e il commercio.

Il simbolo della città e fulcro della storia di Viareggio è la torre detta “di Matilde”, costruita dal Senato di Lucca nel 1550.

Viareggio è una località molto rinomata e che ha ospitato molti personaggi e uomini di cultura.

Nel 1601 Viareggio, già centro abitato, fu dichiarato “portofranco” e, nel 1617, divenne capoluogo della Vicaria del Litorale.
La nascita dei primi bagni risale intorno al 1823. A Maria Luisa di Borbone si deve il tracciato del Viale dei Tigli che le permetteva di raggiungere il centro dalla propria villa situata nella pineta di levante.

Viareggio è nota per i suoi famosi bagni che ogni anno attirano numerosi turisti italiani e stranieri.

E’ proprio in questo periodo che inizia la attività turistica a Viareggio.
Sono numerosi anche gli uomini di cultura che hanno soggiornato nella zona: il poeta Percy B. Shelley e Lord Byron, Manzoni, Puccini, D’Annunzio.

E-mail Print


sitemap xml
Powered by the Big Medium content management system.