Viaggi e Cultura in Calabria

Nicotera: arte

E-mail Print

DOVE - STORIA - ARTE - EVENTI - NATURA - CUCINA

Particolarmente suggestivo e magico è il centro storico risalente al XVII – XVIII secolo che culmina, proprio, con il Castello dei Ruffo. All’interno di questo, da visitare il Museo Civico archeologico e il Centro per lo studio della civiltà contadina del Poro.

Nel Museo Civico sono conservati pezzi archeologici dell'età paleolitica, neolitica, dell'età del bronzo e del ferro e di epoca greca e romana

Attiguo al Museo civico si trova il Centro per lo studio e conservazione della civiltà contadina del Poro.

A destra della Cattedrale ha sede il Museo diocesano di arte sacra che in sette sale accoglie varie collezioni provenienti dalla cattedrale e dalle altre chiese della zona.

L'Archivio storico Vescovile ha sede nel Palazzo del Seminario (XVII secolo).
Contiene 14.378 documenti relativi alla storia della Diocesi di Nicotera. La maggior parte del materiale conservato consiste in documenti giuridici, religiosi e di storia locale a partire dal 1513.

La Biblioteca comunale "Raffaele Corso" contiene 10.000 volumi. E’ stata istituita il 29 Ottobre del 1976 ed è dedicata al prof. Raffaele Corso, illustre etnografo nicoterese.

La Biblioteca diocesana è una biblioteca religiosa. E’ ospitata nel Palazzo del Seminario (XVII secolo) e contiene 10.000 volumi. Ha due sezioni speciali: fondo antico e sezione locale.

I suddetti locali sono aperti al pubblico tutti i giorni, festivi e prefestivi esclusi.

Di particolare interesse è la Cattedrale: di origine medievale, fu ricostruita, su progetto del Sintes, dopo il terremoto del 1783 e più volte restaurata in epoche successive.. Presenta una facciata a tre ordini baroccheggianti e una torre campanaria, a pianta quadrata di epoca settecentesca, sul cui portale si trova uno stemma marmoreo del vescovo Franco (sec. XVII).

Testi a cura di Scuola di Italiano per Stranieri, Nicotera

E-mail Print



sitemap xml
Powered by the Big Medium content management system.