Archivio Mailing List

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro

QUESTO ARTICOLO E' PRESENTATO DA:
IED: Istitituto Europeo di Design - sito web - Milano

IED: Istituto Europeo di Design - descrizione della scuola

IL CENACOLO
(1494/1498)

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-7

Leonardo da Vinci (1452/1519) attraverso le sue numerose opere artistiche, ingegneristiche e scientifiche, mette in luce la genialità, la creatività e lo spessore culturale dell'uomo del Rinascimento italiano.
In particolare, in questo scritto, desideriamo fermare la nostra attenzione su una delle sue opere che è stata restaurata, a Milano, da qualche anno: il famoso Cenacolo realizzato dall'artista in Santa Maria delle Grazie.

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-8

L'opera realizzata da Leonardo nel 1496, fu eseguita su committenza di Ludovico il Moro che, nel frattempo, abbellì la chiesa di Santa Maria delle Grazie ordinandone a Bramante gli ampliamenti (vale la pena visitarla e ammirarne lo stile come ulteriore esempio di passaggio fra Gotico e Rinascimento).
Il Cenacolo ebbe, in seguito, un'evoluzione alquanto travagliata e, già dal 1517, cominciò a devastarsi e a rovinarsi tanto che il Cardinale Federico Borromeo ne fece dipingere una copia nel 1612.

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-6

Questo perchè Leonardo dipinse su muro con una tecnica inconsueta a base di tempera forte, che portò presto il dipinto al deterioramento dovuto alla tecnica sperimentale e all'umidità della parete del refettorio.
Agli inizi del 1700 iniziarono gli interventi di pulitura e, durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1943, l'opera si salvò per miracolo dall'esplosione di una bomba che colpì il refettorio di Santa Maria delle Grazie mantenendo intatto il Cenacolo.

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-5

Il Cenacolo rappresenta una fase particolare dell'Ultima Cena avvenuta fra Cristo e gli apostoli.
Leonardo, infatti, decise di dipingere il momento appena successivo alle parole di Gesù: “Uno di voi mi tradirà” che scatenarono gli interrogativi degli apostoli.
Questa scelta, completamente differente rispetto ad altre raffigurazioni sullo stesso tema da parte di altri artisti, si concentra sulle emozioni che traspaiono dai gesti e dai visi degli apostoli.
Leonardo punta sulla drammaticità della scena e colloca Gesù al centro dell'opera mentre gli apostoli vengono organizzati in quattro gruppi di tre figure ciascuno.
Vengono messi in evidenza dall'artista i gesti di stupore degli apostoli alle parole di Gesù ma, soprattutto, vengono sottolineati i loro diversi caratteri.
Perciò, ci si trova contemporaneamente di fronte alla rabbia di Pietro che sussurra all'orecchio di Giovanni e al dito teso di Tommaso che mette sempre in dubbio le parole di chiunque. Punto centrale della composizione le figure di Gesù e di Giuda che sono consapevoli di quello che succederà e contrastano per compostezza con il fermento delle altre figure.

Informazioni per visitare la chiesa di Santa Maria delle Grazie e il Cenacolo:

La chiesa è aperta nei giorni feriali con gli orari 7-12 e 15-19 mentre nei giorni festivi l'orario è 7.15-12.15 e 15.30-21.
Il Cenacolo è aperto tutti i giorni tranne il Lunedì dalle 8 alle 18.30 (ultimo ingresso alle ore 18.15).
La prenotazione è obbligatoria (1,50 euro a persona) ed è possibile solo telefonicamente (02.89421146).
Il biglietto d'ingresso costa Euro 6,50 (intero), Euro 3,25 (ridotto) ed è gratuito per i cittadini dell'Unione Europea minori di 18 anni e maggiori di 65.

Le visite guidate sono organizzate giornalmente:
- h 10.00 e h 16.00 in italiano
- h 9.30 e h 15.30 in inglese
- costo: 3,25 a persona.

Inoltre, c'è anche la possibilità di acquistare un biglietto particolare che consente l'accesso al Museo della Scala, alla Pinacoteca di Brera e al Cenacolo, valido 7 giorni, al costo di 10 euro.

IED: ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-4

Quando si sente parlare di Made in Italy, la prima città che viene in mente è Milano: la capitale della moda italiana.
Proprio a Milano, per chi è interessato alle Arti Visive, al Design e al Made in Italy in generale, si trova la famosa scuola di Design italiano, l'Istituto Europeo di Design, che ha la sua sede in Via Sciesa 4, vicinissima al Duomo.

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-3

Da oltre trent'anni, l'Istituto Europeo di Design, opera nei campi della formazione e della ricerca. Oggi è un network internazionale ben conosciuto a Milano, costantemente in crescita, che organizza corsi triennali, corsi post-diploma, masters, corsi completamente in lingua inglese, corsi estivi...
Lo IED ha sedi in Italia (Milano, Roma, Torino), in Spagna (Madrid, Barcellona) e in Brasile (San Paolo).

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body-2

Lo IED offre ai giovani professionisti che lavorano nei campi della Moda, del Design e della Comunicazione, gli strumenti più efficaci per rispondere alle domande in continua evoluzione del mondo produttivo. I corsi riguardano: il Design (design d'interni, industriale, progettazione luci, Packaging, ect...); Moda (Tessuti, Moda Marketing, Gioiello, Accessori& scarpe etc....); Arti Visive ( Digitale, Virtuale, Grafica, Animazione, Illustrazione, Fotografia, etc...) e Comunicazione.

Milano: l'arte tra passato, presente e futuro-Body

E' molto importante studiare Moda e Design in Italia per diverse ragioni.
Innanzitutto, perchè l'Italia è riconosciuta a livello mondiale come la capitale della moda e del Design, e ha il più grande numero di aziende di Moda e di Design.
Inoltre, lo IED ha una lunga tradizione di cooperazione con le aziende: gli studenti, infatti, creano progetti insieme alle aziende, fanno stage e possono anche scegliere tra diverse opportunità di lavoro al termine dei loro studi allo IED.

E-mail

Print

sitemap xml
Powered by the Big Medium content management system.